Finalmente D’Alema dice una cosa di sinistra: una cretinata!

Il Fazioso 20 ottobre 2010 4

Ok che Baffino ormai a sinistra è odiato quasi quanto Berlusconi ma per cercare di risollevare la sua immagine non c’è bisogno di tirar fuori dichiarazioni che sembrano uscite da pagine ingiallite di propaganda comunista di 50 anni fa.

Ecco lo scritto da intellettualoide che ha creato sul bimestrale della sua fondazione Italianieuropei, a proposito del tema del lavoro

Il ventennio che abbiamo alle spalle è stato segnato da una egemonia neoliberista che ha portato con sé l’impoverimento del lavoro e una progressiva spoliazione del lavoro dai diritti. Il lavoro è stato nuovamente ridotto a merce. Mettere radici nei conflitti sociali è la priorità «per una sinistra che non voglia arretrare a ruolo di minoranza etica, espressione del ceto medio riflessivo». Bisogna riscoprire questa parola dimenticata: lotta!

Egemonia neoliberista, impoverimento del lavoro, spoliazione dei diritti, lavoro come merce, mettere raidici nei conflitti sociali, riscoprire la parola lotta? Qualcuno dica a Massimo che siamo nel 2010. Sembra uno di quei documenti da Lotta Continua che circolavano nelle fabbriche negli anni di piombo. Roba da brividi, sembra quasi che Baffino voglia far tornare di moda un po’ di comunismo vecchia scuola: paroloni, tendenza a infiammare il clima sociale e vuoto programmatico totale.

D’altronde il Pd è sempre zerbinato di fronte alla Fiom e ormai punta decisamente a ritornare Pci, quindi la tendenza sinistrata è sempre più palese. In ogni caso complimenti a D’Alema per il compendio di cretinate.

COMMENTA


4 Comments »

  1. Ado 20 ottobre 2010 at 13:54 -

    Il canto del cigno.

  2. primo capo 20 ottobre 2010 at 14:43 -

    non vuol dire niente, ma è un niente sanguinario.

  3. Il Petecchia rosso. 23 ottobre 2010 at 14:44 -

    Se il compagno Baffino, è solo questo , quello che sa e dice, a sinistra , sono messi veramente male !