Bassolino e Iervolino a processo per i rifiuti. Ma non è una priorità per i giudici a Napoli

Il Fazioso 6 ottobre 2011 2

Epidemia colposa: la Procura di Napoli ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio per i venti indagati, tra sindaci, commissari prefettizi e funzionari pubblici. A processo l’ex sindaco Iervolino e l’ex governatore Bassolino. Non adottarono tutti gli interventi necessari e le precauzioni per tutelare la salute dei cittadini nel periodo, tra il 2007 e l’anno successivo, della piena emergenza quando le strade della città erano invase da rifiuti non raccolti.

Sembrerebbe una buona notizia ma in realtà, mettiamoci l’animo in pace. Questo processo durerà anni e non porterà a nulla. Per 2 motivi? Non è coinvolto Berlusconi e a Napoli verso Bassolino sono sempre benevoli. Un altro procedimento nei suoi confronti, ben più corposo e con accuse più gravi, è in atto da anni e va spedito verso la prescrizione. Addirittura la stampa non è ammessa in aula a documentare come si svolge il processo. Silenzio totale…

E’ evidente che la Procura di Napoli ha un solo obiettivo in mente, verso la sinistra si indaga solo in una prima fase ma poi finisce tutto nel dimenticatoio. E anche questa volta sarà così…


2 Comments »

  1. sergione1941 7 ottobre 2011 at 00:26 -

    Va bene, si fa per dire.
    Quando la prescrizione ne usufruisce un personaggio equivoco come Bassolino è uno scandalo, quando ne usufruisce Berlusconi, magari sfruttando le attenuanti generiche, concesse con molta benevolenza dai soliti giudici, "ovviamente comunisti" è tutto regolare.
    Per quanto riguarda la Jervolino: è solo una incapace!
    C'è qualcuno che è d'accordo?

    • Alessio 7 ottobre 2011 at 13:37 -

      La stessa tua teoria è valida a parti invertite.
      C'è qualcuno che è daccordo?